Il giardino non è un progetto

Un giardino che si concentra esclusivamente sull’estetica, ansioso di mostrarsi ancor prima di essere realizzato, è spesso destinato a essere incompleto, imperfetto, o addirittura brutto. Questo può essere considerato uno dei peccati capitali nel mondo dei giardini moderni.

Un Sistema Vivo e Dinamico

Un giardino non è soltanto un disegno o un progetto statico. È un organismo vivente, un insieme di elementi biotici e abiotici che evolvono nel tempo. Grandi giardini storici sono stati adattati e rinnovati nel corso degli anni proprio perché un giardino è qualcosa di vivo e in continua evoluzione. Questo aspetto vitale spesso sfugge nel processo di progettazione, dove la tendenza è di immaginare e pianificare ogni dettaglio senza considerare l’inevitabile dinamismo della natura.

La Progettazione Non Può Prevedere Tutto

Nonostante la precisione che si desidera nella pianificazione di un giardino, ci sono sempre elementi che rimangono imprevedibili. Fenomeni come piogge, tempeste, o cambiamenti nella falda acquifera possono influenzare drasticamente lo sviluppo e la crescita di un giardino. Patogeni e variazioni climatiche aggiungono ulteriori livelli di incertezza che non possono essere completamente anticipati nella fase di progettazione.

Investimento Emotivo ed Economico

Quando si decide di investire in un giardino, si investe non solo denaro, ma anche tempo, energie fisiche e psicologiche. Questo investimento richiede una certa apertura verso l’imprevisto e l’accettazione che, nonostante il desiderio di un risultato definito, un giardino deve essere vissuto e adattato nel tempo, proprio come qualsiasi altro ambiente vivente.

Innamorarsi del Processo, Non Solo dell’Immagine

Proporre di vedere il giardino non come un semplice progetto finito ma come un’entità dinamica significa cambiare radicalmente il nostro approccio alla giardinaggio. È simile a innamorarsi non dell’immagine di una persona, ma della persona stessa, con tutte le sue evoluzioni e cambiamenti nel tempo.

Flessibilità nella Progettazione

Per chi progetta e per chi desidera un giardino, è essenziale riconoscere che, mentre la progettazione dettagliata è utile, non è sempre necessaria. A volte, una progettazione più sommaria, che lascia spazio all’adattamento e alla crescita naturale, può essere più appropriata, permettendo al giardino di svilupparsi più organicamente.

Il giardino, se tenuto bene e se vivo, continua a evolvere anche dopo che noi lo abbiamo lasciato. È un sistema che, ben curato, trascende la nostra presenza temporanea e si adatta al continuo mutamento del mondo naturale.